full screen background image

Missione compiuta a Monte Urano. Nei play off sarà derby con il Potenza Picena

Missione compiuta per l'Helvia Recina sul campo del Monturano Campiglione. Vittoria doveva essere e vittoria è stata e con essa arriva la matematica qualifcazione ai play off, obiettivo a lungo inseguito, quasi sfumato nel finale e poi raggiunto proprio in coda. Complice il pari ta Montefano e Potenza Picena gli arancio neri saranno dunque impegnati nel primo turno degli spareggi sul campo dei potentini, avendo chiuso al quinto posto a quota 51 punti in virtù degli scontri diretti sfavorevoli nei confronti del Montefano. Formazione al completo a Monte Urano, eccezion fatta per lo squalificato Hoxha, con i rientri di Foglia e Perrella dalla squalifica e Marcoaldi regolarmente al centro dell'attacco. Dall'altra parte una formazione fermana senza ambizioni di classifica che però parte meglio e nei primi minuti si rende pericolosa due volte con una girata sotto porta di Scoccia e un sinistro alto di Fabrizio Vallesi. L'Helvia è contratta e sente il peso della partita, concedendo spazi e qualche brivido ai locali ma al 14' riesce a costruire l'occasione più ghiotta con Maccioni che imbucato in area mette a lato di un soffio il diagonale con il destro.
Al 25' lo stesso Maccioni lavora un pallone al limite dell'area e lancia Montanari che di sinistro non lascia scampo a Rastelli per il vantaggio dell'Helvia e il suo nono centro stagionale. Con il vantaggio i ragazzi di Carassai crescono in tranquillità e autostima e dopo due soli minuti è Rastelli a salvare su una girata sotto misura di Badiali. Il Monturano Campiglione non reagisce al 30' arriva il raddoppio: cross con il contagiri dal fondo di Montanari e colpo di testa vincente di Marcoaldi. Unico sussulto dei locali al 35' con un colpo di testa di Viti che Recchi inchioda sulla linea di porta. Al 38' l'Helvia chiude il conto con Maccioni che firma il suo quinto centro sin campionato sempre di testa su cross di Marcoaldi.
La ripresa è pura accademia con il Monturano Campiglione già in vacanza e l'Helvia che sfiora due volte il poker con Girotti, deviazione decisiva sulla linea di Bosoni, e Di Crescenzo che si vede respingere la conclusione a porta vuota da un difensore sulla linea per un passivo che sarebbe stato troppo duro per i locali.
Obiettivo raggiunto per la grande soddisfazione dello staff tecnico e dirigenziale e di tutti i ragazzi, consapevoli che adesso viene il bello con la prima sfida play off sul campo del Potenza Picena con un solo risultato a disposizione, la vittoria, in un derby che si preannuncia caldo e appassionante.
"Devo fare i complimenti ai ragazzi per questa stagione straordinaria – il commento di mister Carassai – perchè non era facile vincere la Coppa Italia e conquistare insieme l'accesso ai play off e ci siamo riusciti. Anche quando eravamo lontani dai play off ho sempre detto ai ragazzi di crederci e di provare a fare il massimo per noi stessi e per la società e abbiamo fatto alla fine qualcosa di importante. Ora ci prepariamo al meglio perchè vogliamo vincerli i play off e li affronteremo con la massima grinta e attenzione sapendo di dover vincere tutte le partite e che abbiamo i mezzi per farlo".

MONTURANO CAMPIGLIONE: Rastelli, Renzi, Viti, Bosoni (80' Lucci), Barbabietolini (55' Saltarelli), Vallesi Paolo, Morlacco (84' Nepi), Scoccia, Vallesi Fabrizio, Bracalente, Ulissi. All: Bagalini
HELVIA RECINA: Recchi (87' Farroni), Pagliarini, Montanari, Campana, Capparuccia, Foglia (67' Piccioni), Perrella, Girotti (67' Mandorlini), Marcoaldi (70' Di Crescenzo), Badiali (84' De Angelis), Maccioni. All Carassai
RETI: 25' Montanari, 30' Marcoaldi, 38' Maccioni (HR)
AMMONITO: Campana (HR)
ARBITRO: Paradisi (PS)

Piccioni gol e l'Helvia resta in corsa per i play off

Un eurogol al 92' di Piccioni regala all'Helvia Recina un pareggio incredibile contro l'Atletico Azzurra Colli che vale oro in chiave classifica a novanta minuti dal termine della stagione e tiene aperte e intatte le speranze in chiave play off.
Formazione rimaneggiata a causa delle squalifiche di Hoxha, Perrella e Foglia con Pagliarini dirottato al centro della difesa, con il ritorno di Piccioni sulla corsia di destra e il trio d'attacco formato da Mandorlini, Marcoaldi e Maccioni.
Il primo tempo è contratto con gli ospiti che chiudono bene gli spazi e raddoppiano le marcature, lasciando poco spazio all'Helvia Recina che non trova sbocchi in avanti e deve a sua volta guardarsi dalle incursioni degli ascolani. Match equilibrato con pochi sussulti che si rianima al 42' con un sinistro di Montanari dal limite che impegna Camaioni in corner e sul capovolgimento di fronte sono gli ospiti a rendersi pericolosi.
L'Helvia, costretta a vincere per non correre rischi in classifica, comincia con buon piglio la ripresa i ritmi ma alla prima occasione viene punita dall'Atletico. Palla a Crocetti sulla sinistra, che salta Piccioni e mette al centro per il tap in vincente di Giansante.
L'Helvia, punita oltre i suoi demeriti, reagisce e si rende pericolosa in due occasioni a ridosso del 60' con Maccioni che in acrobazia mette alto da pochi passi e una punizione di Marcoaldi che impegna Camaioni in corner.
L'Helvia ci prova ma rischia comunque in contropiede e al minuto 83' si vede annullare un gol per fuorigioco molto dubbio a Maccioni su assist di Montanari. Un minuto dopo è Grilli a centrare il palo con un sinistro a giro dal limite che avrebbe chiuso la contesa.
L'Helvia però non molla e getta il cuore oltre l'ostacolo trovando il pareggio al 92' con l'uomo forse più inatteso, Roberto Piccioni di professione terzino destro classe '99, che dal limite dell'area lascia partire un destro al volo che batte imparabilmente Camaioni e fa esplodere il Della Vittoria, per una giornata tornata la casa dell'Helvia.
Un punto meritato che lascia in corsa gli arancioneri per i play off ma servirà ad ogni costo la vittoria sul campo del Campiglione Monturano nell'ultimo turno per non vanificare la lunga rincorsa del girone di ritorno.
"Faccio un plauso ai miei ragazzi - il commento di mister Carassai a fine gara - perchè credo che il pareggio sia meritato e devo dire un bravo a Piccioni, che è un ragazzo serio e si è sempre allenato bene facendosi trovare pronto. Siamo in corsa e ci giocheremo tutto all'ultima partita dove dovremo scendere in campo con la giusta mentalità".

HELVIA RECINA: Recchi, Piccioni, Montanari, Campana, Capparuccia, Pagliarini, Mandorlini, Girotti (75' Massini), Marcoaldi, Badiali, Maccioni. All: Carassai
ATLETICO AZZURRA COLLI: Camaioni, Zahraovi, Croce, Battilana, Stangoni, Alijevic, Mariani, Grilli, Giansante, Crocetti (76' Nardini), Gyabaa. All: Fusco
RETI: 50' Giansante (ATL), 92' Piccioni (HR)
AMMONITI: Piccioni, Campana, Pagliarini (HR), Stangoni, Alijevic, Giansante, Gyabaa (ATL)
ARBITRO: Gorreja (AN)

LA JUNIORES SCIOGLIE LE RIGHE

Adesso è ufficiale: la trasferta di Ciabbino di sette giorni fa è stata l'ultima gara ufficiale della stagione della Juniores, che chiude il campionato regionale al secondo posto e va in vacanza consapevole di aver disputato un'annata sopra le righe a discapito di ogni pronostico iniziale.
Gli arancioneri, dopo essere stati in testa per quasi due terzi di campionato hanno pagato tremendamente un mese di gare ravvicinate e disputate sempre con gli uomini contati,crollando definitivamente in casa con i cugini cremisi a due partite dal termine e subendo poi l'inevitabile sorpasso degli elpidiensi.
I numeri alla mano testimoniano infatti di quanto difficile sia stata la gestione del girone di ritorno, dove i ragazzi di Tartuferi hanno conquistato ben 10 punti in meno del girone di andata, chiuso invece con 37 punti in classifica e con il titolo di campione d'inverno in tasca.
Le difficoltà numeriche hanno inoltre portato alla decisione definitiva di non disputare il torneo Orselli, prestigiosa manifestazione organizzata dal Potenza Picena.
Diversi elementi della rosa arancionera sono ora stati inseriti in quella della prima squadra,in piena corsa playoff.
Ai ragazzi della Juniores, al loro mister e a tutto lo staff dirigenziale vanno i più sentiti ringraziamenti per aver disputato una stagione di altissimo livello ed aver sfiorato un sogno davvero per un non nulla.

Helvia Recina - Azzurra Colli allo Stadio della Vittoria

La decisiva sfida in chiave play off contro l'Azzurra Colli si giocherà allo Stadio Della Vittoria a causa dell'indisponibilità dello Stadio Helvia Recina. Per la gara di sabato mister Carassai non potrà disporre degli squalificati Foglia e Perrella, fermati per una giornata, e Hoxha, squalificato per due partite e a rischio di vedere finita la sua stagione in caso di mancata qualificazione ai play off. 

Brutto ko a Trodica, i paly off tornano a rischio

Brutta sconfitta per l'Helvia Recina in casa di un combattivo Trodica che piega di misura e con merito gli arancio neri nella ripresa grazie al gol di Papa al 74'. Sconfitta maturata per la maggiore vitalità e aggressività dei locali al cospetto di un'Helvia sottotono sul piano agonistico e poco concreta in zona gol. Mister Carassai schiera dall'inizio la formazione ormai collaudata delle ultime uscite ma sin dai primi minuti si è visto un Trodica più motivato e aggressivo con un'Helvia che ha sofferto il palleggio rapido e le giocate in profondità dei locali.
Nonostante la pressione avversaria è comunque l'Helvia ad avere l'occasionissima per sbloccare la partita al 13' con una sponda di Marcoaldi per l'accorrente Campana sul cui destro ad incrociare si è superato il portiere Pennacchietti.
Nonostante lo spavento è comunque il Trodica a farsi preferire sul piano della vitalità e pur non creando grossi patemi a Recchi tiene in apprensione un'Helvia troppo leziosa e lenta nel costruire gioco a centrocampo e ad innescare le punte. Al 23' su un cambio di fronte di Hoxha è Perrella a saltare nello stretto Sbrissa ma ancora una volta Pennacchietti si oppone alla grande in uscita.
Al 40' nell'arco di un minuto doppia occasione, una per parte, con Recchi che mette in angolo un gran destro dal limite di D'Aguanno e sul contropiede successivo è Massini a fare tutto da solo e impegnare in corner Pennacchietti.
La ripresa si apre con un Trodica ancora più motivato e già al 50' è Monserrat a mettere fuori da buona posizione un cross basso di Papa.
Al 65' l'episodio che cambia volto alla partita: ennesimo lancio lungo dalle retrovie, dormita generale della difesa dell'Helvia con Foglia che atterra Papa lanciato in porta e si becca il rosso diretto. Punizione senza esito ma il Trodica ci crede e prima impegna Recchi ancora su calcio piazzato con Papa e poi trova il gol con lo stesso centravanti che parte in posizione dubbia su un altro lancio profondo e batte l'incolpevole Recchi. Nonostante gli ingressi di Mandorlini e Maccioni l'Helvia non si rende praticamente mai pericolosa dalle parti di Pennacchietti, salvo per un'azione individuale di Mandorlini al minuto 85 conclusa a lato. Finisce 1-0 e per l'Helvia la situazione di classifica torna a farsi complicata. A due gara dalla fine bisognerà adesso guardarsi le spalle dal ritorno della Sangiorgese ma soprattutto tenere in considerazione i risultati del Potenza Picena e delle dirette concorrenti alla zona play off con il rischio concreto che la quinta posizione possa essere inutile visto il divario superiore ai dieci punti proprio dai potentini.
"Oggi abbiamo giocato male – il commento di mister Carassai a fine gara – e il Trodica ha vinto con merito giocando con più cattiveria di noi. Avevo preparato la partita in un determinato modo, caricando i ragazzi sull'importanza di questo risultato e mettendoli in guardia dalle insidie di questa partita contro un'avversaria tonica e senza nulla da perdere, e non siamo riusciti a fare quello che dovevamo. Siamo stati troppo passivi e senza mordente e le occasioni sbagliate nel primo tempo ne sono un esempio, poi i due episodi, l'espulsione su una nostra grave ingenuità, e il loro gol, secondo me in netto fuorigioco, ci hanno messo in difficoltà. Quanto di fatto di buono finora resta ma ora dobbiamo dare peso ai risultati e cambiare mentalità in vista del finale di stagione e di un eventuale play off al quale abbiamo tutte le carte in regola per arrivare e fare bene".

TRODICA: Pennacchietti, Berrettoni, Sbrissa, Mengue, Lambertucci, Moustafa, Monserrat (55' Pape), Giri, Papa 83' Foresi), Lattanzi (79' Diagne), D'Aguanno (88'Marchioni). All. Fanì
HELVIA RECINA: Recchi, Pagliarini, Montanari, Hoxha, Capparuccia, Foglia, Perrella, Campana (85' Maccioni), Marcoaldi (72' Di Crescenzo), Badiali (70' Mandorlini), Massini (75' Girotti). All: Carassai
RETE: 74' Papa
AMMONITI: Sbrissa, Giri, D'Aguanno (TR), Pagliarini, Capparuccia, Perrella (HR)
ESPULSO: Foglia
ARBBITRO: Baleani (Jesi)

twitter share

NEWS SETTORE GIOVANILE

  • Al Franchi con i nostri ragazzi per Fiorentina - Crotone

    019091foto660Tra gli oltre 22 mila spettatori presenti allo stadio "Artemio Franchi" per la gara di serie A Fiorentina-Crotone, c'erano anche ben 163 felici rappresentanti della Junior Macerata.

    Il club ex biancoceleste ed ora arancionero ha inaugurato così, facendo un bel regalo ai suoi tesserati, la nuova collaborazione e affiliazione con il club viola. Ragazzi, genitori, allenatori, collaboratori e dirigenti sono partiti da Macerata a bordo di tre pullman più varie auto ed hanno preso posto in Curva Ferrovia godendosi il 2-0 firmato dai calciatori probabilmente più talentuosi e attesi: Simeone e Chiesa.

    "Abbiamo viaggiato accompagnati dalla pioggia – dichiara il responsabile del vivaio maceratese Giammario Cappelletti - ma come siamo scesi a Firenze ha smesso e i 110 ragazzi, più una cinquantina di adulti, si sono goduti uno splendido pomeriggio di calcio. Per molti era la prima volta allo stadio e sono rimasti incantati. Bello e toccante inoltre il muro di sciarpe dedicate al compianto Astori".

    Una festa per la Junior in un "Franchi" che si sta riprendendo, così come la squadra di Pioli, dopo la tragica morte del capitano (sabato omaggiato anche mister Mondonico che riportò la Fiorentina in A). In effetti la nuova affiliazione doveva cominciare con uno stage per i tecnici maceratesi a Firenze, saltato proprio perché era stato programmato nel giorno che poi ha ospitato i funerali del difensore. L'aggiornamento tecnico avrà comunque luogo più avanti nel mese di maggio e a luglio invece tornerà allo Stadio della Vittoria di Macerata il Viola Camp.

32° Torneo Nando Cleti

photosi milo web

© 2018 Helvia Recina Calcio | ACD Helvia Recina 1975 - Borgo Peranzoni, 84 Villa Potenza - 62100 Macerata (MC) - Matricola FIGC n. 937747
Back to Top