full screen background image

L'Helvia resta al palo contro il Marina nella ventitresima giornata di campionato dopo una partita recuperata con il cuore e l'orgoglio nel finale una volta subita la rimonta degli ospiti. Si ripete il trend delle ultime uscite con occasioni da gol sbagliate in seire, ingenuità difensive puntualmente punite dagli avversari ed errori arbitrali penalizzanti ma stavolta il gol di Carboni, primo per lui in maglia Helvia, salva il risultato e infonde una rinnovata carica agli arancioni, capaci di rimettere in piedi una partita che si era fatta colto complicata. Helvia in formazione tipo con Tartari e Midei come under in campo. Romanski, Di Crescenzo e Mandorlini a comporre il trio d'attacco.
L'inizio di gara è di marca ospite con due conclusioni da lontano di Severini e Noviello che impegnano Maccari, poi al minuto tre arriva il gol che apre le marcature. Cross di Montanari da sinistra, Giovagnoli sbaglia il tempo dell'uscita e alle sue spalle sotto misura Di Crescenzo mette dentro il vantaggio. Gli ospiti faticano a reagire, fanno girare il pallone ma non si rendono mai pericolosi dalle parti di Maccari. Le occasioni sono invece di maraca Helvia con lo stesso Di Crescenzo che mette fuori da buona posizione in due circostanze, viziate dal fuorigioco, e soprattutto con un'incursione di Mandorlini che semina avversari sulla fascia, mette all'indietro dove Midei a porta vuota non trova il pallone del raddoppio. Nel finale gli ospiti premono con maggiore convinzione e allo scadere hanno l'occasione del pari. Punizione da destra toccata corta al limite per il destro dell'industurbato Ribichini che mette a lato con Maccari che nulla avrebbe potuto.
L'Helvia resta però negli spogliatoi e il Marina a inizio ripresa cambia il corso della partita. Pronti via e Zupo, in netto fuorigioco, manca sottoporta il tap in del pari ma al terzo minuto, ancora in sospetta posizione di fuorigioco, è il classe '99 Pellonara a scattare in profondità e battere in diagonale Maccari. L'Helvia non reagisce e, al contrario, subisce il contraccolpo psicologico e il Marina nel approfitta. Ci prova ancora Severini su punizione ma Maccari si oppone alla grande ma al 14' deve capitolare su azione da corner. Tutti fermi in area sulle marcature e Santini rimette di testa al centro per il colpo di testa sotto misura di Carloni che ribalta la situazione.
L'Helvia sembra alle corde e il Marina rischia di chiudere il conto ma gli ingressi di Silvetti e Rocci danno nuovo slancio alla manovra e glim arancioni cominciano a spingere. Di Crescenzo manda alto di testa dal limite dell'area piccola su cross di Montanari, poi in rapida sequenza è Ionni a vedersi respingere sulla linea la conclusione ravvicinata e Tacconi a mettere a lato il diagonale da buona posizione. Il Marina ci prova in contropiede ma non punge e nel finale arriva il meritato pareggio. C'è tempo prima per una clamorosa topica dell'arbitro e del guardalinee che fermano per un fuorigioco inesistente un contropiede in superiorità numerica. Al 41' è ancora Montanari a battere un calcio di punizione da sinistra, Giovagnoli respinge corto e sotto misura è Carboni a mettere dentro di cattiveria il gol del pari. Nel recupero il Marina si divora in contropiede il gol della vittoria ma rischia a sua volta in difesa e si chiude 2-2.
Rammarico in casa Helvia per quella prima parte di secondo tempo lasciata agli avversari ma anche soddisfazione per la reazione il pareggio raggiunto nel finale con il cuore.
"Siamo stati bravi a riprendere la partita - il commento di mister Roberto Lattanzi - con il cuore e l'orgoglio. Non siamo entrati bene in campo nella ripresa e abbiamo commesso delle ingenuità difensive che non possiamo concedere a nessun avversario e sbagliato troppi gol davanti. Ci prendiamo questo punto che sembrava esserci sfuggito e continuamo a lavorare perchè ci aspetta un finale di stagione molto duro, consapevoli di poter giocare alla pari con tutti e di dover migliorare su alcune situazioni che ci penalizzano oltremodo".

twitter share

NEWS SETTORE GIOVANILE

  • Al Franchi con i nostri ragazzi per Fiorentina - Crotone

    019091foto660Tra gli oltre 22 mila spettatori presenti allo stadio "Artemio Franchi" per la gara di serie A Fiorentina-Crotone, c'erano anche ben 163 felici rappresentanti della Junior Macerata.

    Il club ex biancoceleste ed ora arancionero ha inaugurato così, facendo un bel regalo ai suoi tesserati, la nuova collaborazione e affiliazione con il club viola. Ragazzi, genitori, allenatori, collaboratori e dirigenti sono partiti da Macerata a bordo di tre pullman più varie auto ed hanno preso posto in Curva Ferrovia godendosi il 2-0 firmato dai calciatori probabilmente più talentuosi e attesi: Simeone e Chiesa.

    "Abbiamo viaggiato accompagnati dalla pioggia – dichiara il responsabile del vivaio maceratese Giammario Cappelletti - ma come siamo scesi a Firenze ha smesso e i 110 ragazzi, più una cinquantina di adulti, si sono goduti uno splendido pomeriggio di calcio. Per molti era la prima volta allo stadio e sono rimasti incantati. Bello e toccante inoltre il muro di sciarpe dedicate al compianto Astori".

    Una festa per la Junior in un "Franchi" che si sta riprendendo, così come la squadra di Pioli, dopo la tragica morte del capitano (sabato omaggiato anche mister Mondonico che riportò la Fiorentina in A). In effetti la nuova affiliazione doveva cominciare con uno stage per i tecnici maceratesi a Firenze, saltato proprio perché era stato programmato nel giorno che poi ha ospitato i funerali del difensore. L'aggiornamento tecnico avrà comunque luogo più avanti nel mese di maggio e a luglio invece tornerà allo Stadio della Vittoria di Macerata il Viola Camp.

32° Torneo Nando Cleti

photosi milo web

© 2019 Helvia Recina Calcio | ACD Helvia Recina 1975 - Borgo Peranzoni, 84 Villa Potenza - 62100 Macerata (MC) - Matricola FIGC n. 937747
Back to Top